Category

Digital Strategy

Iniziare a promuovere la crescita del proprio business attraverso una strategia digitale che soddisfi le aspettative dell’utente

Strategia digitale

Mettere al primo punto della strategia digitale dell’azienda: “dare all’utente l’esperienza che si aspetta” significa far crescere il business

Se pensiamo che l’avvento di Internet abbia cambiato il mondo del marketing ritorniamo all’ormai lontano 9 gennaio 2007 quando un “certo” Steve Jobs presentò il primo Iphone. In quel momento inizia un’era nella quale il sogno di ogni consumatore: “tutto e subito” comincia a diventare realtà. L’evoluzione tecnica dei cellulari che da semplici strumenti entrano a far parte di ogni momento della nostra vita, grazie alle infinite applicazioni, cambiano radicalmente il mercato. L’esperienza da mobile è oggi un elemento centrale da considerare nella realizzazione dei siti e degli e-commerce ed è diventato un fattore di cui devo assolutamente tenere conto prima di pianificare una strategia digitale vincente per la mia azienda.

Strategia digitale

Essere in grado di dare al pubblico quello che si aspetta non è certo un’impresa da poco! Ecco dunque 3 preziosi suggerimenti che devono assolutamente entrare a far parte della strategia digitale della propria azienda per riuscire ad offrire agli utenti l’esperienza che si aspettano e aumentare il volume d’affari.

3 strategie digital per riuscire a dare agli utenti l’esperienza che si aspettano e incrementare il business della mia attività

Se è vero che l’utente preferisce il mobile al desktop il primo passo è fare l’analisi dell’esperienza da mobile offerta

Alla luce dei cambiamenti di comportamento dell’utente, che prediligono oggi il mobile rispetto al desktop, è logico pensare che per incrementare il mio business sia necessario migliorare l’esperienza da mobile.

E-commerce mobile

Secondo alcune statistiche preparate da Google si è calcolato che il tempo necessario al  caricamento delle pagine da mobile è in media poco più di 15 secondi. Successivamente si è andati ad analizzare i tempi di caricamento di vari siti per dispositivi mobili e si è scoperto che quelli in grado di caricarsi entro due secondi registrano un tasso di conversione superiore del 15% rispetto alla media degli altri.

Fonte: Ricerca di Google con Webpagetest.org a livello mondiale, condotta su un campione di 11 milioni di domini web per dispositivi mobili caricati mediante una connessione 4G rappresentativa a livello globale, gennaio 2018; Analisi "Why Mobile Site UX Matters" condotta da Google/Verto negli Stati Uniti su un campione di 254 siti per dispositivi mobili più frequentati in termini di visitatori unici al mese nell'ambito di finanza, e-commerce e viaggi, utilizzando dati indipendenti di Verto del 2017, marzo 2018.

Ecco dunque un’utile checklist da consultare per rendersi conto del tipo di esperienza da mobile offerta al mio cliente o potenziale:

  • Il sito è mobile friendly?
  • Qual è il tempo di caricamento delle pagine?
  • I contenuti sono facilmente leggibili?
  • I percorsi di completamento dell’acquisto sono immediati?

Alcuni strumenti di facile uso ci possono aiutare ad avere un rapporto dettagliato della propria situazione:

  • PageSpeed Insights di Google è un tool che fa un’analisi sulla page-speed e fornisce alcuni preziosi suggerimenti tecnici per migliorarla. Basta inserire il dominio del proprio sito web;
  • GTmetrixè un altro utile tool che permette di verificare le prestazioni del mio sito web.

AMP (Accelerated Mobile Page) è il progetto di Google per l’aumento delle velocità di caricamento delle pagine da mobile. Sostanzialmente una pagina che sfrutta il protocollo AMP è una normale pagina in HTML, CSS, Javascript, ecc. che grazie ad alcune regole specifiche eliminano molti elementi che “rallentano” il sito.

 

Adottare un approccio multi-canale per essere presente nel momento dell’acquisto

Le persone non sempre hanno chiaro cosa vogliono. Il “viaggio” che intraprendono prima dell’acquisto passa per numerose tappe e le intenzioni sono le più disparate.

Nonostante questa apparente confusione, solitamente il percorso rientra all’interno di un sistema che prevede una prima fase nella quale più o meno si concretizza un bisogno, una seconda fase di raccolta di informazioni e confronti, e infine una terza legata all’acquisto vero e proprio.

Il digitale oggi ci permette di essere presenti ovunque. Adottare un approccio multi-canale ci garantisce di non perdere occasioni anche laddove le esigenze non si sono ancora manifestate ma sono solo latenti.

Questa strategia unita all’impostazione di un percorso d’acquisto pertinente e stringente, può davvero far aumentare notevolmente il mio business.

 

Personalizzazione dell’esperienza d’acquisto

I dati sono tra le risorse più importanti che abbiamo. Sfruttarli per una segmentazione più profonda del mio pubblico mi permette di stabilire quali sono le sue preferenze e rispondere al meglio alle sue aspettative:

“Il 61% delle persone si aspetta che i brand personalizzino le esperienze in base alle loro preferenze”.
Personalizzare esperienza utente

Fonte: studio "Rising Expectations in Consumer Brand Experiences" condotto da Google/Greenberg negli Stati Uniti su 1500 consumatori di età compresa tra 18 e 64 anni, marzo 2018.

Comprendere meglio i consumatori attraverso i dati significa capire cosa vogliono forse prima ancora che ne siano consapevoli loro stessi.

Per concludere si può certamente dire che l’aumento del business è strettamente correlato ad una corretta pianificazione la cui direzione deve essere orientata verso la conoscenza approfondita del cliente e dei suoi comportamenti.

Luca Santinon

Ceo & Strategist

Vuoi conoscere soluzioni innovative per il tuo business?

Inviaci l'indirizzo del sito web della tua azienda e una breve nota, il nostro team valuterà un'analisi GRATUITA per una strategia personalizzata.